di Laura Bon

TREVISO – Esibizionista sul Montello, sindaco detective. Un uomo di circa cinquant’anni, a bordo di una fuoristrada, sta seminando il panico fra donne e ragazzine di Nervesa della Battaglia (Treviso).

Donne avvicinate in auto, poi l’esibizione. Dopo averle avvicinate attirando la loro attenzione, l’uomo abbassa il finestrino dell’auto o apre la portiera della stessa, abbassando la chiusura dei pantaloni e mettendo in bella mostra i genitali. Ovviamente, la scena non passa inosservata.

Il sindaco detective. Informato della cosa, il sindaco e medico Fiorenzo Berton è entrato in azione, targa alla mano, nei panni di detective. «A contattarmi – dice il sindaco – è stata una quarantacinquenne di Nervesa che aveva vissuto lo spiacevole episodio, che sembra non sia stato isolato. La donna, ovviamente, non è preoccupata tanto per se stessa quanto per le ragazzine, che potrebbero essere turbate dall’individuo. Comunque, ho recuperato il numero di targa e ora informerò i carabinieri di quanto si sta verificando nel territorio del mio Comune. Voglio anche vedere se l’individuo si muove a bordo di un’auto di sua proprietà o prestatagli da qualcuno».

Non sarebbe nuovo ad atti simili. A quanto sembra, del resto, l’uomo protagonista degli atti di disturbo non sarebbe nuovo a simili comportamenti. «Credo -aggiunge Berton- che si tratti di un Montebellunese già noto alle Forze dell’ordine, che lo avevano messo in guardia e lo tenevano d’occhio. Probabilmente è una persona affetta da una precisa patologia, l’esibizionismo appunto».

Del resto, la zona del Montello non è nuova ad episodi di questo tipo. Già in passato, sono stati segnalati esempi di esibizionisti che si aggiravano in bicicletta lungo le prese abbordando soprattutto ragazzine. In questo caso, però, l’uso dell’auto potrebbe rappresentare un’aggravante e un ulteriore motivo di paura per le ragazzine che dovessero imbattersi nell’uomo, soprattutto alla luce delle numerose zone isolate presenti nel Montello. L’esibizionista, però, dovrà ora fare i conti con controlli più serrati e soprattutto con un sindaco… detective.

Giovedì 16 Giugno 2011 – 15:36 Ultimo aggiornamento: Venerdì 17 Giugno – 19:53

© RIPRODUZIONE RISERVATA